Argentina, invasione di piranha a un metro dalla riva: l’attacco feroce – Video

Nei fiumi dell’Argentina negli ultimi giorni si è registrato un insolito aumento di “palometas”, una specie di piranha nativi del Sud America.

Le immagini che stanno facendo il giro del mondo e sono state postate dai siti argentini mostrano un uomo nella riva del Rio Paranà.

L’uomo in questione lancia dei grossi pezzi di carne proprio nella riva del grande corso d’acqua, ed è proprio lì che la ferocia dei pesci si sprigiona in maniera brutale.

Le autorità locali, per cercare una spiegazione a questo fenomeno, stanno valutando di piazzare delle apposite bandiere nelle rive per allertare tutta la popolazione.

L’anno scorso le persone ferite dagli attacchi delle “palometas” sono state ben 38.

Quest’anno però le autorità locali hanno molto più paura degli attacchi, basta vedere il video per capire il motivo.

Sergio Berardi, responsabile della filiale Santa Fe del sindacato dei bagnini (Sugara), ha spiegato che “la situazione è migliorata dalla comparsa delle notizie nei media o dalla viralizzazione dei video”, ma secondo il parere del suo sindacato “non è qualcosa che dovrebbe tenere lontano i bagnanti perché ci sono modi per prevenire gli attacchi”.

“Nella seconda settimana di gennaio, tra le 7 e le 13 circa, sono state morse 40 persone nelle terme di Espigón I e II e a Playa Grande, sulla riva occidentale della laguna di Setúbal, e da allora non abbiamo avuto nuovi casi”.

Berardi ha detto che “la maggior parte dei casi si è verificato giovedì 11, il giorno più caldo dell’anno”, ma ha detto che “con i giorni un po ‘più freschi e il rimbalzo del fiume” la minaccia dei palometas si dissiperà e “è molto probabile che non avremo più casi di morsi”.

Il presidente di Arroyo Leyes, una città situata a circa 20 chilometri a nord della città di Santa Fe, ha negato che il video sia stato girato lì perché “la costa osservata non corrisponde alle condizioni dei nostri fiumi”.

In presenza delle palometas, le autorità della sussidiaria Santa Fe del Sugara hanno concordato con il comune di Santa Fe di stabilire un codice per le bandiere e un dispositivo sanitario.

Anche se non è stato ancora ufficialmente informato, il sistema sarà implementato con bandiere rosse per avvertire del rischio di palometas e ci saranno anche bandiere bianche per avvertire sui bambini smarriti.

A questo proposito, Berardi ha affermato che “con la responsabilità degli anziani e un corretto lavoro di prevenzione, le palometas non dovrebbero rappresentare un problema”.

Ma ecco il video, da paura che è stato girato nella zona di Santa Fe.

Un video da infarto, non credete anche voi?