Se vedi questa farfalla sulla culla di un neonato, non fare domande. Si sta diffondendo nel mondo, purtroppo ha uno straziante significato

Non so se vi è mai capitato, ma alcune volte nelle foto delle culle dei neonati, in ospedale, si puo’ notare una farfalla di color viola, attaccata al lato. Ma sapete cosa rappresenta? E’ una domanda che si sono fatte moltissime persone, per spiegarvelo vi racconteremo una storia.

 

Milli Smith e il suo compagno, Lewis Cann, hanno scoperto di essere in attesa di due gemelli. Erano molto felici per la gravidanza, c’era solo un particolare che però li turbava. Non erano sorpresi nell’aspettare due gemelli, nella famiglia di Milli c’erano stati altri casi, ma ogni volta ne era nato solo uno. Come una maledizione…

 

Nonostante il brutto pensiero, erano ottimisti, ma alla 12esima settimana durante la visita, tutto è diventato realtà. Il ginecologo informò i genitori che delle due bambini, ne srebbe sopravvissuta solo una, a causa di una condizione chiamata anencefalia.

Questa condizione non permette al cervello di svilupparsi come dovrebbe. I bambini che ne sono affetti, non vivono a lungo al di fuori del grembo materno.

 

Nonostante tutto, Milli ha sempre cercato di godersi la sua gravidanza cercando di tenere un comportamento normale.

Il giorno del parto, i medici l’hanno preparata psicologicamente, le dissero che Skye sarebbe nata, ma non si sarebbe mossa e dopo pochi minuti avrebbe smesso di respirare. Ma questa piccola guerriera ha sorpreso tutti, è sopravvissuta fuori dal grembo materno 3 ore ed è nata piangendo. Si, sono pochissime ore, ma sempre più di qualche minuto…

 

Alla fine l’angioletto è volato al cielo. Mentre la sorellina stata tenuta sotto controllo con gli altri neonati.

“Nessuno degli altri genitori sapeva cosa fosse successo. Ma iniziarono a rivolgersi a me con toni innocenti Una mamma di due gemelli, mentre i suoi figli piangevano, mi disse: ‘sei così fortunata ad averne uno’. Io rimasi pietrificata, corsi fuori in lacrime. Non avevo il coraggio di dirle cos’era successo, un semplice adesivo mi avrebbe evitato tutto questo”.

 

Milli così ha trovato un modo per informare gli altri del suo messaggio doloroso, senza però dover pronunciar parola. La sua idea era quella di una semplice farfalla viola, questa idea si è diffusa in tutto il mondo.

Oggi si trovano nella culla di ogni neonato nato senza il fratellino o la sorellina. Come potete immaginare, questo impedisce spesso che qualcuno faccia delle domande insensate.

 

Alcuni ospedale, come il Kingston Hospital in Inghilterra, hanno deciso di esporre un cartello per informare tutti su questo utilizzo della farfallina viola.

Tra non molto verranno utilizzate in tutto il mondo. Questo è un bene, poiché la perdita di un figlio è qualcosa di davvero doloroso e non si puo’ immaginare ciò che provi chi è costretto a sentirsi ripetere delle domande che sembrano banali, ma che fanno molto male.

Condividete questo articolo con tutti i vostri amici, per far conoscere questa storia.